Stoccaggio di elettricità: quali costi ci si può aspettare?

costi di stoccaggio dell'elettricità

Chi fa affidamento principalmente sull'autoconsumo anziché sulle tariffe incentivanti per un impianto fotovoltaico ha bisogno di un dispositivo di accumulo di energia. In un'intervista, l'esperto di Quante spiega in dettaglio quali costi ci si può aspettare per l'accumulo di energia elettrica e come valutarne al meglio i costi.

Domanda: Ho posto una domanda molto generale: vale la pena immagazzinare l'elettricità?

Esperto quantistico: Questa è una buona domanda, a cui, tra l'altro, non è così facile rispondere quando si entra nei dettagli. Molto qui dipende dal sistema fotovoltaico e dal corretto dimensionamento, altrimenti potrebbe non essere (finanziariamente) utile.

Fondamentalmente, hai diverse opzioni con un sistema FV:

  • sono dimensionati in modo che l'elettricità generata sia inferiore all'autoconsumo e sono utilizzati solo per ridurre i costi elettrici esistenti
  • sono dimensionati in modo da generare più del proprio consumo e il surplus viene immesso nella rete pubblica
  • sono dimensionati il ​​più vicino possibile al normale consumo e le fluttuazioni della generazione nel tempo sono compensate mediante un sistema di accumulo elettrico come una sorta di accumulo tampone, in modo che sia sempre disponibile una quantità sufficiente di energia elettrica

Solo qui puoi passare molto tempo a chiederti quale sia la soluzione più economica nel complesso. Ciò richiede già molto lavoro di elaborazione.

In pratica, tuttavia, il metodo 1 (dimensionamento secondo necessità) è raramente utile. Il senso (anche economico) di un impianto fotovoltaico sta nel fatto che si diventa il più indipendenti possibile dal fornitore di elettricità locale.

Ovviamente puoi installare un impianto fotovoltaico molto piccolo solo per caricare la tua auto elettrica e le due e-bike - se ciò abbia un senso economico rimane una questione aperta.

La decisione tra gli altri due metodi è un po 'più complicata: feed-in tariff o autoconsumo?

La maggior parte degli esperti oggi tende a consigliare alle persone di utilizzare la propria elettricità: le tariffe di alimentazione garantite sono ora così basse che non vale la pena reinserirle.

costi di stoccaggio dell'elettricità

Un sistema di accumulo di elettricità è generalmente utile

Bisogna considerare che per i kWh immessi tra 8,18 centesimi e 11,83 centesimi (per impianti che vanno online dal 1 ottobre 2018), a seconda di dove si trova l'impianto. Inoltre devi detrarre le tasse (imposta sul reddito) per l'elettricità che produci tu stesso. Se invece hai bisogno di un kWh di elettricità dalla rete pubblica (perché hai già immesso il surplus), devi pagare poco meno di 30 centesimi per kWh. Se lo metti in prospettiva, il modello non ne vale davvero la pena.

Se si genera l'elettricità di cui si ha bisogno e si tamponano i picchi con un sistema di accumulo dell'elettricità, nella maggior parte dei casi sarà più economico.

Inoltre, i prezzi per lo stoccaggio dell'elettricità sono diminuiti in modo significativo negli ultimi anni e, soprattutto per lo stoccaggio agli ioni di litio, ora si può vedere una significativa riduzione dei prezzi di anno in anno. Allo stesso tempo, il numero di unità di accumulo di elettricità vendute è aumentato notevolmente negli ultimi anni (quasi il 50% dei proprietari di impianti fotovoltaici di nuova installazione ora fa affidamento su unità di accumulo di elettricità): ciò significa che in futuro si possono prevedere prezzi ancora più bassi .

Domanda: quanto costano generalmente i sistemi di accumulo dell'elettricità?

Esperto quantistico: non è così facile rispondere in generale - ovviamente dipende sempre dalle dimensioni del sistema di accumulo di elettricità e dal modello selezionato.

Per i dispositivi domestici più comuni, tuttavia, a seconda della capacità di archiviazione, puoi calcolare approssimativamente tra circa 5.000 EUR e 15.000 EUR.

I costi sono così diversi perché il dimensionamento ottimale del sistema di accumulo elettrico dipende sempre dal tipo e dalle dimensioni dell'impianto fotovoltaico e dalle singole esigenze.

Per dirla un po 'meglio in relazione alla capacità di stoccaggio, si può anche dire che i costi si aggirano tra 1.000 euro e 1.800 euro per kWh di capacità di stoccaggio.

Questi prezzi si applicano principalmente ai sistemi di stoccaggio agli ioni di litio: i sistemi di stoccaggio al piombo sono stati quasi completamente rimossi dal mercato negli ultimi anni e attualmente non svolgono quasi più un ruolo.

Questo vale fondamentalmente per il prezzo di acquisto, ma non è l'ultima parola, soprattutto quando si tratta di pratica.

Ma prima un piccolo esempio di costi dalla pratica

Vogliamo acquistare un accumulatore di energia con una capacità di accumulo di 6 kWh per il nostro sistema solare.

Inviareprezzo
Deposito di elettricità (prezzo di acquisto)5.931 EUR
avanzamento0 EUR
costo totale5.931 EUR
Costi di acquisizione per kWh di capacità di stoccaggio988 EUR per kWh di capacità di stoccaggio

Naturalmente, questo è solo il costo di un dispositivo specifico. I costi di acquisizione possono anche essere diversi in altri casi.

Come ho detto, è tutta una questione di prezzo di acquisto. Non è stato possibile ottenere finanziamenti perché non soddisfiamo i requisiti per i finanziamenti statali con il nostro sistema.

Domanda: da quali criteri dipendono solitamente i costi per lo stoccaggio dell'elettricità?

Esperto quantistico: ci sono solo quattro fattori particolarmente importanti quando parliamo del prezzo di acquisto:

  • il rispettivo dispositivo (modello, produttore)
  • la capacità di memoria
  • la tecnologia di accumulo (oggi quasi esclusivamente accumulo agli ioni di litio)
  • un possibile finanziamento

Ciò consente di determinare il prezzo per l'acquisto in modo relativamente preciso.

Domanda: in precedenza è stato detto che non si tratta solo del prezzo di acquisto, come va inteso?

costi di stoccaggio dell'elettricità

L'acquisto dell'apparato di accumulo rappresenta solo una parte del costo totale

Esperto quantistico: Esatto, il prezzo di acquisto del dispositivo di accumulo dell'elettricità è sempre solo metà della battaglia.

Fondamentalmente, ha molto più senso calcolare i costi per un kWh immagazzinato per il rispettivo dispositivo. In questo modo è possibile confrontare anche diversi sistemi di accumulo di elettricità in termini di efficienza economica.

Domanda: quali cose influenzano il costo dei kWh immagazzinati?

Esperto quantistico: prima di tutto, ovviamente, ecco il prezzo di acquisto per l'accumulo di elettricità.

Quindi devi considerare le seguenti cose:

  • la profondità di scarica consentita (DoD) del dispositivo
  • l'effettiva capacità utilizzabile risultante
  • l'efficienza del sistema di accumulo dell'energia elettrica
  • l'efficienza del singolo sistema (a seconda di dove e come il sistema di accumulo elettrico deve essere integrato nel sistema complessivo)
  • il tasso di autoscarica
  • il numero di cicli di ricarica possibili

Se si prendono in considerazione tutti questi costi, il risultato di una selezione spesso appare notevolmente diverso. I dispositivi con un prezzo di acquisto basso molto spesso non sono necessariamente i più economici, ma anche relativamente molto costosi a lungo termine.

Domanda: in che misura la profondità di scarico e la capacità di utilizzo giocano un ruolo nel prezzo?

Esperto quantistico: con diverse tecnologie di archiviazione la profondità massima di scarica (DoD) è abbastanza diversa.

I sistemi di accumulo al piombo, ad esempio, hanno generalmente una profondità di scarica massima del 50% - questo significa che quando il dispositivo di accumulo corrente è pieno, solo il 50% della carica nominale può essere prelevato - il dispositivo di accumulo di elettricità non deve essere svuotato oltre il 50 %.

Ciò significa che un tale dispositivo di accumulo di energia deve essere dimensionato significativamente più grande per avere sufficiente potenza disponibile quando necessario.

Oggi, i moderni sistemi di accumulo di energia sono per lo più nell'intervallo tra il 90% e il 100% DoD. Tuttavia, poiché anche qui può esserci una differenza fino al 10%, anche questo gioca un ruolo nel costo di archiviazione: allo stesso prezzo si ottiene il 100% della capacità una volta, ma solo il 90% nell'altra.

Domanda: ci sono anche differenze di efficienza?

Esperto quantistico: Sì, sicuramente, ma queste differenze da dispositivo a dispositivo sono piuttosto piccole. Tuttavia, se vuoi calcolare con precisione, giocano ancora un ruolo.

Ma l'efficienza del sistema è più importante. Gli impianti fotovoltaici e gli impianti di accumulo di energia hanno in pratica un grado di efficienza molto elevato, ma ovviamente ci sono perdite quando la potenza viene inoltrata all'unità di accumulo e quando viene prelevata dall'unità di accumulo e quando viene convertita da un inverter. L'efficienza complessiva è raramente del 100%, di solito tra il 90% e il 98% in pratica.

Come ho detto, tuttavia, il tipo di connessione allo storage e il design del sistema giocano sempre un ruolo nell'efficienza del sistema. Quindi devi sempre guardare l'intera struttura.

Domanda: il numero di cicli di ricarica influisce quindi sulla durata del sistema di accumulo dell'elettricità?

Esperto quantistico: esattamente. Se acquistiamo un dispositivo per 5.000 euro che consente 5.000 cicli di ricarica, e un dispositivo altrettanto costoso che ha 10.000 cicli di ricarica, il secondo dispositivo durerà ovviamente il doppio se usato allo stesso modo, cioè immagazzina il doppio dell'elettricità dell'altro , in base alla durata di utilizzo. Naturalmente, questo ha un effetto molto significativo sull'efficienza dei costi.

Le differenze nei cicli di caricamento possono spesso essere considerevoli da memoria a memoria, come vedremo di seguito.

Per essere molto precisi, si dovrebbe effettivamente includere anche il periodo di garanzia, o almeno tenerne conto. Non puoi presumere che un dispositivo si guasterà immediatamente dopo la scadenza del periodo di garanzia, ma in teoria devi aspettartelo. Nel caso di una memoria con una garanzia di 5 anni, si può effettivamente stimare una durata "sicura" di soli 5 anni - se si rompe deve essere sostituita, il che a sua volta causa dei costi.

Domanda: che ne dici dell'autoscarica?

Esperto quantistico: l'autoscarica di solito è già presa in considerazione nell'efficienza di archiviazione, almeno per lo più. Di norma, l'autoscarica dei moderni sistemi di accumulo di elettricità è solo minima, ma è sempre presente.

L'autoscarica riduce anche la quantità di elettricità disponibile nel sistema di accumulo e questo riduce la capacità di accumulo.

Domanda: da dove prendi tutti questi dati?

costi di stoccaggio dell'elettricità

Prima dell'acquisto, tutti i dati disponibili sulla memoria devono essere raccolti e confrontati

Esperto quantistico: di norma, quasi tutti i dati possono essere ottenuti dalle descrizioni tecniche o dalle schede tecniche del produttore. Alcuni valori, come l'autoscarica o l'efficienza della memoria, non possono essere determinati per ogni dispositivo. Questi due valori sono già disponibili con solo piccole deviazioni per tutti i dispositivi, in modo che possano anche essere ignorati per un calcolo di confronto.

Domanda: come riunisci tutti questi dati in un'unica fattura?

Esperto quantistico: la formula per questo è:

Prezzo di acquisto / (capacità nominale * capacità utilizzabile * numero di cicli * efficienza del sistema)=costi per kWh

Abbiamo ignorato i due valori "efficienza del sistema di accumulo elettrico" e "autoscarica" ​​qui. In ogni caso, difficilmente avrebbero un impatto significativo sul risultato.

Vogliamo applicare la formula di cui sopra a un dispositivo specifico:

Fattore di costovalore
Prezzo d'acquisto5.931 EUR
Capacità di memoria6 kWh
Capacità di utilizzo grazie alla massima profondità di scarica (10%)90%
Cicli di ricarica5.000
Efficienza del sistema98%

Il calcolo è quindi:

5.931 EUR / (6 kWh * 0,90 capacità di utilizzo * 5.000 cicli * 0,98 efficienza del sistema)=5.937 EUR / 26.460=0,2241 EUR quindi: costi per kWh immagazzinato=22,41 centesimi

Se ora vediamo un dispositivo altrettanto costoso che consente la scarica completa (capacità di utilizzo 100%), ciò avrebbe un impatto significativo sui costi: in questo caso, il kWh immagazzinato costerebbe quindi 5.931 / 29.400 EUR=20,17 centesimi per kWh

La presunta "piccola" differenza nelle caratteristiche di prestazione porta già a una notevole differenza nei costi di immagazzinamento di un kWh.

In questo modo, diversi sistemi di accumulo di elettricità possono essere confrontati molto bene in termini di costi. Il dispositivo con il prezzo di acquisto più basso non è sempre il più economico.

Questo calcolo del costo per kWh immagazzinato fornisce anche un buon punto di partenza per determinare l'efficienza complessiva di un sistema pianificato.

Se i costi per kWh di elettricità immagazzinati sono superiori al normale prezzo dell'elettricità, sarebbe più economico ottenere elettricità dalla rete pubblica.

Domanda: quali finanziamenti sono disponibili per lo stoccaggio dell'elettricità?

Esperto quantistico: la richiesta di finanziamento per lo stoccaggio di elettricità è possibile solo a determinate condizioni:

  • l'impianto fotovoltaico ha una potenza massima di 30 Wp
  • Il sistema e l'accumulo di energia sono finanziati da un prestito promozionale KfW
  • la domanda è presentata entro il 31 dicembre 2018 (dopo che questo programma non esiste più)

Quindi chiunque abbia un sistema più ampio con più output non può richiedere finanziamenti. Inoltre non è prevista alcuna sovvenzione una tantum per i costi. È imperativo ottenere un finanziamento tramite prestito KfW 275, dopodiché è previsto un sussidio di rimborso di 400 EUR o più da parte della BMWi. L'importo del sussidio di rimborso dipende dalla capacità nominale del sistema di accumulo di elettricità e dalle dimensioni del sistema.

Per i sistemi costruiti in un secondo momento, non è più possibile finanziare il sistema di stoccaggio dell'elettricità, almeno non attraverso questo programma. Tuttavia, i costi per l'installazione possono essere ridotti un po 'attraverso altri programmi di finanziamento per l'uso dell'energia solare.