Sostituzione del vaso di espansione riscaldamento: quali costi ci si può aspettare?

costi-sostituzione-riscaldamento-vaso-espansione

Se il vaso di espansione (MAG) in un impianto di riscaldamento non è più a tenuta, ci sono fluttuazioni di pressione costanti nel circuito di riscaldamento e perdite di pressione costanti. Il MAG deve essere sostituito. L'esperto quantistico spiega in dettaglio quali costi ci si può aspettare per questo in un'intervista.

Domanda: quanto costa sostituire un vaso di espansione nell'impianto di riscaldamento?

Esperto quantistico: i costi possono variare da sistema a sistema. Di solito sono compresi tra circa 200 EUR e 400 EUR.

Tuttavia, deve prima essere chiarito in anticipo se

  • semplicemente c'è troppo poco azoto nel vaso di espansione
  • solo la valvola del tappo è difettosa

Se solo il cuscino di azoto è troppo basso, è sufficiente un rinnovo del riempimento di azoto. Il MAG viene quindi controllato per vedere se può trattenere l'azoto. Se questo è il caso, la riparazione è ora completa. Questa misura comporta solo bassi costi per l'artigiano.

costi-sostituzione-riscaldamento-vaso-espansione

Se si deve sostituire solo il tappo della valvola, i costi sono generalmente inferiori a 40 €

Se la valvola del cappuccio è difettosa o usurata, ma il MAG stesso è ancora intatto, è necessario sostituire solo la valvola del cappuccio. I costi per le valvole a tappo variano a seconda del sistema di riscaldamento. Di solito sono compresi tra 15 EUR e 30 EUR. Il costo del lavoro per lo scambio è di circa 100 euro.

Se il MAG deve effettivamente essere completamente sostituito, i costi sono più alti. In molti casi, anche la valvola a cerniera viene sostituita contemporaneamente per evitare danni successivi dovuti all'usura della valvola.

Esempio di costo dalla pratica

Inviareprezzo
Indicazioni30 euro
Costo del materiale vaso di espansione178 EUR
Costo del materiale tappo valvola17 EUR
Costo totale del lavoro115 EUR
costo totale340 EUR

Questo esempio di costo si riferisce a un singolo caso specifico. I costi in altri casi possono variare.

Domanda: quali sono i fattori che determinano il costo della sostituzione di un vaso di espansione nell'impianto di riscaldamento?

Esperto quantistico: qui sono da considerare:

  • il costo del vaso di espansione stesso
  • il costo della sostituzione (costo del lavoro)
  • i costi per eventuali servizi aggiuntivi (es. sostituzione del tappo della valvola, ricerca guasti, ecc.)

Inoltre, sono possibili le spese di viaggio e le spese generali (orario di lavoro aggiuntivo). Le spese di viaggio possono essere coperte da un contratto di manutenzione esistente.

Domanda: quali sono i costi approssimativi di un vaso di espansione per il riscaldamento?

costi-sostituzione-riscaldamento-vaso-espansione

Le dimensioni del vaso di espansione influiscono sul prezzo

Esperto quantistico: i costi si basano su:

  • la dimensione del vaso di espansione (volume di riempimento)
  • il tipo e il modello dell'impianto di riscaldamento
  • i prezzi dei pezzi di ricambio del rispettivo produttore

Con la maggior parte dei sistemi di riscaldamento, è necessario calcolare i costi dei pezzi di ricambio da circa 80 a 250 EUR per il vaso di espansione stesso.

Con sistemi di riscaldamento più grandi, i costi possono essere più alti. I piccoli vasi di espansione, poiché sono principalmente utilizzati per i sistemi solari termici, possono anche essere più economici (da circa 30 euro). Tuttavia, sono troppo piccoli per la maggior parte dei sistemi di riscaldamento.

Domanda: quali costi devi calcolare per lo scambio?

Esperto quantistico: di solito, lo scambio di un MAG si traduce in costi di manodopera nella gamma di circa 100 EUR.

A seconda dello sforzo individuale coinvolto nella sostituzione e del prezzo da parte dell'azienda che esegue il lavoro, questi costi possono essere più elevati nei singoli casi.

Costi aggiuntivi possono derivare dalla sostituzione simultanea del tappo della valvola e da qualsiasi risoluzione dei problemi che potrebbe essere necessaria.

Il motivo della perdita di pressione nell'impianto di riscaldamento può anche essere una perdita nell'area dei tubi di riscaldamento. Per escluderlo, l'azienda specializzata può eseguire una localizzazione delle perdite in casi dubbi. A tal fine è necessario calcolare costi aggiuntivi.

Domanda: potete riparare da soli un vaso di espansione?

Esperto quantistico: i lavori di riparazione sul sistema di riscaldamento, in particolare sulle parti funzionali critiche, dovrebbero sempre essere affidati a uno specialista.

Anche un lavoro apparentemente semplice, come la sostituzione di una valvola a tappo, di solito non è possibile, poiché queste valvole sono protette contro la chiusura involontaria e sono sigillate. Tale sigillo può (e può) essere aperto e riattaccato solo da uno specialista.

Domanda: L'inquilino o il locatore paga per la sostituzione del vaso di espansione?

costi-sostituzione-riscaldamento-vaso-espansione

Chi deve pagare varia a seconda dei casi

Quante expert: da un punto di vista legale, il proprietario deve pagare per tutti i lavori di manutenzione e riparazione. L'unica eccezione a questa regola è se il riscaldamento è sotto la responsabilità diretta dell'inquilino. Questo è il caso se c'è un bagno termale combinato appartenente al singolo appartamento nel condominio.

In tutti gli altri casi le riparazioni all'impianto di riscaldamento sono a carico e rischio del locatore; Anche questi costi non sono ripartibili, ovvero non devono essere trasferiti agli inquilini tramite la contabilità dei costi operativi.

Quando si sostituisce un vaso di espansione (MAG), è chiaramente una riparazione ai sensi di legge. La manutenzione è considerata solo come sostituzione preventiva di piccole parti al fine di continuare a garantire la funzionalità del sistema.

Tuttavia, un MAG viene sostituito quando il sistema di riscaldamento è già stato danneggiato (perdita di pressione nella zona del riscaldamento). Lo scambio non è uno scambio preventivo di parti, ma piuttosto la riparazione di danni che si sono già verificati.

Ciò significa che il proprietario deve sostenere personalmente i costi della riparazione e non deve includerli nella bolletta.