Sostituzione del riscaldatore dell'olio: quali sono i costi?

costi di sostituzione del riscaldamento a gasolio

Il riscaldamento dell'olio obsoleto è inefficiente e costoso. In molti casi, quindi, conviene passare a un nuovo impianto di riscaldamento. Nella nostra intervista, l'esperto quantistico spiega quali costi ci si dovrebbe aspettare quando si sostituisce il vecchio sistema di riscaldamento a gasolio.

Domanda: quanto costa sostituire un riscaldatore dell'olio?

Esperto quantistico: questo non può essere detto in un'unica soluzione per essere precisi. I costi si basano sempre sul riscaldamento che viene scambiato, sulla dimensione del riscaldamento e sulle condizioni locali individuali.

Innanzitutto occorre distinguere quale riscaldatore si vuole sostituire:

  • su un nuovo riscaldatore dell'olio
  • ad una nuova caldaia a gasolio a condensazione
  • su una stufa a gas
  • su un riscaldatore a biomassa
  • sul riscaldamento combinato con energie rinnovabili

A seconda di come dovrebbe apparire il nuovo sistema di riscaldamento e delle prestazioni che dovrebbe avere, i costi possono variare notevolmente. La sostituzione del riscaldatore può costare tra circa 5.000 euro e fino a 25.000 euro.

Passaggio al riscaldamento a olio nuovo o al riscaldamento a condensazione a gasolio

costi di sostituzione del riscaldamento a gasolio

La sostituzione di un vecchio riscaldatore dell'olio presenta molti vantaggi

Il passaggio a un nuovo riscaldatore dell'olio comporta i costi più bassi. Per una caldaia delle dimensioni usuali per una casa unifamiliare media, devi calcolare i costi tra circa 3.500 euro e 5.500 euro.

Inoltre, ci sono i costi di installazione e i costi per un serbatoio dell'acqua calda, se anche questo deve essere sostituito. Dopo la sostituzione si sostengono i costi per il bilanciamento idraulico, obbligatorio per legge.

Se è necessario un nuovo serbatoio dell'olio, i costi - a seconda della situazione di installazione - ammontano a circa 3.000 euro.

Se deve essere installata una caldaia a gasolio a condensazione a risparmio energetico, è necessario prevedere costi più elevati. Per l'installazione della tecnologia a condensazione e la necessaria regolazione del camino, vengono addebitati da 1.500 euro a 2.500 euro aggiuntivi. I costi per la caldaia a gasolio possono quindi essere leggermente (circa 1.500 - 2.500 EUR) superiori a quelli del riscaldamento a gasolio convenzionale.

Questi costi più elevati di solito si ripagano da soli, tuttavia, poiché il consumo di gasolio nelle caldaie a condensazione è inferiore di circa il 20% rispetto alle caldaie a gasolio senza tecnologia a condensazione. Questi risparmi normalmente ammortizzano i costi aggiuntivi in ​​tempi molto brevi. Le caldaie a gasolio a condensazione sono quindi lo stato dell'arte.

Permuta su una stufa a gas

costi di sostituzione del riscaldamento a gasolio

Il riscaldamento a gas costa più o meno come il riscaldamento a gasolio

Se si vuole installare una stufa a gas o una caldaia a condensazione a gas al posto della vecchia caldaia a gasolio, i costi per la caldaia sono leggermente inferiori rispetto a una caldaia a gasolio o una caldaia per riscaldamento a gasolio a condensazione. Tuttavia, la differenza di costi è minima.

Gli altri costi sono comparabilmente alti, i costi di allacciamento e i costi per il bollitore (se anche sostituito) sono in un range simile a quello di un impianto di riscaldamento a gasolio con la stessa potenza.

Se un allacciamento gas non è ancora disponibile, vanno aggiunti i costi per l'allacciamento ( da 1.500 a 2.500 euro circa). In singoli casi questo può essere più costoso in situazioni di connessione difficili. Per saperne di più qui.

Nell'attuale situazione dei costi, il gas naturale è leggermente più economico del gasolio da riscaldamento, quindi il riscaldamento a gas come riscaldamento sostitutivo causa anche costi di riscaldamento leggermente inferiori in seguito.

Scambio su un riscaldatore a biomassa

Il passaggio a un riscaldatore a biomassa non è solo alla moda, questi riscaldatori sono anche particolarmente economici in confronto. Le spese di riscaldamento possono essere fino al 30% inferiori rispetto a una caldaia a gasolio a condensazione della stessa taglia. Inoltre, vi è un'elevata stabilità dei prezzi per il materiale da riscaldamento (pellet, trucioli di legno, tronchi) rispetto al petrolio, prevedibile anche in futuro. Al contrario, il prezzo del petrolio ha oscillato fino al 100% negli ultimi 10 anni.

Per la sostituzione con un riscaldatore a biomassa, tuttavia, devono essere accettati costi relativamente elevati. A seconda del tipo e del design del riscaldamento, ci si può aspettare tra 15.000 EUR e 25.000 EUR. In cambio, tuttavia, sono disponibili anche elevate sovvenzioni per gli scambi.

Scambio su un riscaldamento combinato con energie rinnovabili

Oltre a sostituire il riscaldamento primario, è possibile integrare anche fonti di energia rinnovabile per generare energia termica e acqua calda. Ciò è particolarmente vero per l'energia solare termica.

A causa delle forti riduzioni di prezzo negli ultimi anni, un sistema solare termico può già essere acquistato per costi aggiuntivi da circa 5.000 EUR a 10.000 EUR. Ci si può aspettare un risparmio sui costi di riscaldamento del 20-30% e sono disponibili sussidi per il sistema stesso.

Con requisiti di riscaldamento molto bassi (isolamento ad alte prestazioni o casa efficiente), tuttavia, i risparmi derivanti dall'energia solare termica sono così piccoli che i costi aggiuntivi di solito si ripagano solo per un periodo di tempo molto lungo.

I sistemi solari termici possono essere abbinati a qualsiasi tipo di riscaldamento primario, sia riscaldamento a gas, riscaldamento a gasolio, riscaldamento a biomasse oa condensazione.

Esempio di costo dalla pratica

Stiamo avendo un vecchio impianto di riscaldamento a gasolio rinnovato per una casa unifamiliare con una superficie abitabile di 140 mq. Scegliamo una moderna caldaia a condensazione.

Inviareprezzo
Caldaia - costo iniziale4.200 EUR
Installazione della tecnologia della condensazione e regolazione del camino2.100 EUR
Bollitore per acqua calda - costi di acquisto1.250 EUR
Costi di installazione, accessori di installazione, bilanciamento idraulico4.500 EUR
costo totaleEUR 12.050
Promozione del bonus cambio caldaiameno 500 euro
quindi proprie speseEUR 11.550

I costi qui indicati per la sostituzione del riscaldatore dell'olio si riferiscono solo a un singolo caso. In altri casi, potrebbero essere applicati costi notevolmente diversi.

Domanda: da cosa dipende il costo della sostituzione di un riscaldatore dell'olio?

Esperto quantistico: nota qui:

  • le dimensioni e le dimensioni dell'impianto di riscaldamento
  • che tipo di riscaldamento viene scambiato
  • quali altre parti dell'impianto devono essere sostituite (serbatoio acqua calda, serbatoio olio, ecc.)
  • lo sforzo di installazione
  • quali sussidi si possono ottenere (es. bonus cambio caldaia, sussidio biomasse, ecc.)
  • Se viene utilizzato un isolamento aggiuntivo (finanziamento combinato possibile, dimensionamento inferiore dell'impianto di riscaldamento possibile con una richiesta di calore ridotta)
  • le condizioni locali nel sito di installazione
  • il prezzo della società specializzata in esecuzione

Tutti questi fattori devono essere considerati caso per caso. Tuttavia, è particolarmente importante decidere a quale sistema di riscaldamento passare. In ogni caso, un attento calcolo della redditività dovrebbe essere effettuato con riguardo a tutte le possibili alternative.

Domanda: quali sono i sussidi per sostituire il riscaldamento?

costi di sostituzione del riscaldamento a gasolio

Per un riscaldamento a biomassa si ricevono sovvenzioni elevate

Esperto quantistico: se cambi solo per una caldaia a condensazione, puoi usufruire del cosiddetto "bonus swap caldaia" di 500 euro.

Quando si passa al riscaldamento a biomassa, sono possibili sussidi più elevati. Ammontano a almeno 3.500 EUR, ma possono anche superare i 4.000 EUR se viene utilizzata anche la tecnologia a condensazione.

Puoi trovare ulteriori informazioni sul riscaldamento a biomassa e sui possibili sussidi a questo punto.

Domanda: quando vale la pena sostituire il riscaldatore dell'olio?

Esperto quantistico: in genere conviene rinnovare il riscaldamento quando il riscaldamento ha circa 20 anni. Molti sistemi di riscaldamento diventano inefficienti e costosi dopo questa età.

Tuttavia, anche il passaggio a sistemi di riscaldamento più recenti può essere utile, soprattutto se si passa al riscaldamento a biomassa. Le sovvenzioni attualmente elevate non saranno sempre disponibili e vale anche la pena ridurre i costi di riscaldamento.

Da un punto di vista ecologico, un cambiamento ha anche senso - non solo evitando gas dannosi per il clima (biomassa brucia CO [sub] 2 [/ sub] -neutral) ma anche in relazione all'incertezza riguardo ai futuri requisiti legali e allo sviluppo del prezzo del petrolio.

Alcuni paesi in Europa, come la Danimarca, hanno già vietato completamente l'uso di combustibili fossili come petrolio e gas per il riscaldamento. Passare a forme di riscaldamento rispettose del clima è sicuramente una cosa sensata, soprattutto se il riscaldamento a gasolio è più vecchio.

Domanda: quali sono i vantaggi in termini di costi di riscaldamento?

Esperto quantistico: 1 kWh di calore da gasolio attualmente costa circa 6,5 ​​centesimi. La stessa quantità di calore costa molto meno con le fonti energetiche da biomassa.

Fonte di energiaCosti per 1 kWh di calore in centesimi
Olio da riscaldamento (corrente)6,5 centesimi per kWh
Gas naturale (corrente)6 centesimi per kWh
Pellet5 centesimi per kWh
Trucioli e tronchi di legnoDa 3,5 a 4,5 centesimi per kWh
costi di sostituzione del riscaldamento a gasolio

I prezzi del gasolio da riscaldamento sono tutto il resto costanti

Va notato che il prezzo del gasolio da riscaldamento può oscillare in modo significativo: nel 2012 era di quasi 10 centesimi per kWh, che è significativamente più alto di oggi. Pellet e cippato, invece, negli ultimi anni sono rimasti quasi completamente costanti nel loro prezzo, che si è stabilizzato intorno ai 200 euro la tonnellata.

Gli effetti sui propri costi di riscaldamento possono essere facilmente calcolati. In una casa indipendente ben isolata, il fabbisogno di riscaldamento è di circa 75 kWh / m² all'anno. Una casa unifamiliare di 140 mq necessita quindi in media di circa 10.500 kWh di calore all'anno.

Tra il cippato e il gasolio da riscaldamento, c'è una differenza di costo di 315 euro in costi di riscaldamento annuali.

Negli edifici scarsamente isolati e più vecchi, il fabbisogno di riscaldamento è spesso da due a tre volte superiore, così come la differenza nei costi di riscaldamento.

Domanda: come si calcola se vale la pena cambiare?

Esperto quantistico: ha senso iniziare con i "costi comunque".

Un rinnovo dell'impianto di riscaldamento a gasolio, comunque dovuto, compresi tutti i lavori, costerebbe circa 9.000 euro. Se prendi i costi per il riscaldamento a biomassa a circa 20.000 EUR e deduci i sussidi, ottieni una differenza di quasi 7.000 EUR.

Risparmio sui costi di 7.000 EUR / 315 EUR all'anno=periodo di rimborso di 22 anni

Anche in una casa ben isolata con un basso fabbisogno di riscaldamento, il passaggio si ripaga nella vita dell'impianto di riscaldamento.

I possibili futuri aumenti del prezzo del petrolio non vengono qui presi in considerazione. Se il prezzo del petrolio aumenta anche leggermente, il periodo di recupero si riduce molto rapidamente.

Puoi leggere ulteriori informazioni sui prezzi del gasolio da riscaldamento in questo post.