Riscaldamento centralizzato: quali sono i costi?

spese di riscaldamento centralizzato

Il sistema di riscaldamento di una casa causa di gran lunga i costi operativi più elevati in una casa - si dovrebbe procedere di conseguenza quando si sceglie il sistema di riscaldamento. In un'intervista, l'esperto di Quante spiega in dettaglio quanto può costare l'installazione e il funzionamento del riscaldamento centralizzato in casa.

Domanda: quali alternative ci sono al riscaldamento centralizzato e perché è così importante scegliere il tipo di riscaldamento con tanta attenzione?

Quante-Expert: Prima di tutto, bisogna dire che i sistemi di riscaldamento centralizzato sono quasi standard oggi: un sistema di riscaldamento centralizzato è installato in quasi tutte le case oggi.

Un'alternativa sarebbe un sistema di riscaldamento a gas, che alimenta solo singole parti della casa con un sistema di riscaldamento. Questo si trova spesso in condomini e condomini, dove ogni appartamento ha il proprio sistema di riscaldamento. Questo ha dei vantaggi: l'inquilino paga solo le proprie spese di riscaldamento e acqua calda e può anche risparmiare sui costi, il padrone di casa non deve occuparsi della manutenzione e della riparazione del riscaldamento (in questo caso anche l'inquilino è responsabile).

Un'altra possibile alternativa sarebbe il riscaldamento individuale della stanza, ad esempio utilizzando il riscaldamento a infrarossi o, se necessario, con più stufe a pellet collegate separatamente (che di solito devono essere ricaricate solo ogni giorno). Tuttavia, nessuno dei due è particolarmente pratico e spesso è svantaggioso in termini di costi. In pratica, gli alti costi di installazione del sistema di riscaldamento centralizzato di solito si ripagano da soli dopo pochi anni, soprattutto con sistemi di riscaldamento ad alta efficienza energetica.

La scelta dell'impianto di riscaldamento giusto e adatto è di fondamentale importanza.

Per quanto riguarda il trasferimento di calore, c'è la possibilità di riscaldamento a pavimento o radiatori a parete. Il riscaldamento a pavimento è spesso un po 'più economico e garantisce anche un'immagine termica più equilibrata nella stanza. D'altra parte, di solito sono leggermente più costosi da acquistare e installare.

Si distingue tra i sistemi di riscaldamento stessi:

  • Sistemi di riscaldamento per combustibili fossili (olio combustibile o gas naturale)
  • Riscaldamento a biomasse (pellet, cippato, ceppi, gassificatori di legno)
  • Riscaldamento a pompa di calore
  • Sistemi di riscaldamento CHP (che producono elettricità e calore)
spese di riscaldamento centralizzato

La scelta del combustibile per riscaldamento è fondamentale per i costi di esercizio

La selezione del combustibile e la tecnologia di riscaldamento utilizzata hanno un impatto importante sui costi di riscaldamento previsti successivamente. A seconda del sistema di riscaldamento utilizzato e del livello di isolamento nell'edificio, possono esserci differenze di costo fino a diverse centinaia di percento da casa a casa.

Vale quindi la pena guardare non solo ai costi di acquisizione, ma (anche soprattutto) ai costi di esercizio che ci si può aspettare successivamente nella pianificazione del riscaldamento centralizzato.

Domanda: quanto costa in generale un impianto di riscaldamento centralizzato?

Esperto quantistico: è molto difficile dirlo in termini generali: qui ci sono enormi differenze di prezzo.

Per quanto riguarda i costi, bisogna distinguere tra:

  • il costo della caldaia e della tecnologia associata
  • il costo dell'impianto di riscaldamento (radiatori a parete o riscaldamento a pavimento)
  • le spese di riscaldamento in corso in esercizio

I sistemi di riscaldamento per una casa unifamiliare costano tra circa 5.000 EUR e 25.000 EUR. Per le case bifamiliari bisogna fare i conti con circa il 20% di costi in più in pratica, nelle case plurifamiliari i costi per il riscaldamento centralizzato sono già notevolmente più alti rispetto alle case unifamiliari, a seconda sull'area più ampia e sulle prestazioni richieste più elevate.

L'installazione del sistema di riscaldamento con tubazioni, installazione di radiatori e collegamenti è in pratica da circa 80 EUR per m² a 150 EUR per m² per i nuovi edifici. Anche il riscaldamento a pavimento può essere un po 'più costoso. Tuttavia, questa è solo un'affermazione molto approssimativa e generale: i costi devono quindi essere calcolati in base al singolo caso.

Le spese di riscaldamento sono quindi sempre basate sullo standard di protezione termica (isolamento) dell'abitazione, sulla dimensione dell'abitazione e sul tipo di riscaldamento installato.

In un edificio isolato secondo le moderne specifiche EnEV, i costi di riscaldamento sono generalmente compresi tra 2 EUR per m² e 6 EUR per m² all'anno, ma per edifici più vecchi e non ristrutturati possono arrivare a 12 EUR per m² fino a EUR 20 per m² all'anno.

Un piccolo esempio di costo dalla pratica:

Stiamo avendo il nostro nuovo edificio di 140 m² dotato di riscaldamento a gas a condensazione e riscaldamento a pavimento. L'isolamento corrisponde agli attuali standard EnEV, il fabbisogno energetico primario della nostra casa è di 50 kWh / a.

Inviareprezzo
Riscaldamento a condensazione a gas5.500 EUR
Costi di installazione (inclusi materiali di installazione e tecnologia di condensazione)4.200 EUR
Serbatoio dell'acqua calda1.200 EUR
Collegamento del gas2.300 EUR
Riscaldamento a pavimento (installazione in massetto riscaldato)9.800 EUR (esclusi lavori su massetto)
Costi totali di acquisto e installazione del riscaldamento23.000 EUR
Costi di acquisto totali per m²circa 165 EUR per m²
Costi annuali di esercizio del riscaldamento455 EUR
Costi di manutenzione120 EUR
Spazzacamino ogni anno100 EUR
costi annui totali675 EUR
Costi di riscaldamento totali (inclusi i costi aggiuntivi) per m² (annualmente)4.82 EUR all'anno per m²

Naturalmente, questo è solo un unico esempio di costo per un sistema di riscaldamento molto specifico e per una casa molto specifica (moderna isolata). Anche i costi per altre case e per altri sistemi di riscaldamento possono essere notevolmente diversi.

Se un sistema di riscaldamento esistente viene scambiato con un moderno sistema di riscaldamento a biomassa in un vecchio edificio, i costi possono anche essere notevolmente inferiori, poiché l'impianto di riscaldamento è già in atto e si possono anche ottenere sovvenzioni elevate.

Domanda: da quali fattori dipendono i costi di riscaldamento?

spese di riscaldamento centralizzato

Il costo del riscaldamento centralizzato dipende principalmente dal tipo di riscaldamento

Esperto quantistico: ovviamente bisogna considerare molto qui:

  • il tipo di impianto di riscaldamento (caldaia, impianto di riscaldamento)
  • il fabbisogno termico individuale dell'edificio e quindi la potenza richiesta dalla caldaia
  • il tipo di riscaldamento (riscaldamento a pavimento o radiatori a parete)
  • la dimensione dell'area da riscaldare
  • con riscaldamento a pavimento anche il numero dei circuiti di riscaldamento
  • l'esecuzione dell'impianto di riscaldamento in dettaglio

Ciò riguarda almeno una volta i costi di acquisizione.

Quando si tratta di costi di esercizio del riscaldamento, i seguenti fattori giocano un ruolo:

  • la dimensione della casa (area da riscaldare)
  • lo stato energetico della casa (misure di isolamento e protezione termica)
  • il comportamento di riscaldamento individuale
  • le temperature esterne (inverni miti o rigidi e molte giornate gelide in autunno e primavera)
  • l'età e le condizioni tecniche dell'impianto di riscaldamento
  • l'ammontare delle spese per la manutenzione del riscaldamento, lo spazzacamino e le riparazioni necessarie

Possono esserci differenze molto grandi, soprattutto quando si tratta di costi di riscaldamento, a seconda di tutti questi fattori.

Domanda: quali sono le differenze tra le diverse tecnologie di riscaldamento?

Esperto quantistico: questo può essere paragonato bene se guardi i costi per kWh di calore:

Tipo di riscaldamentoCosti per 1 kWh di calore
Riscaldamento a gas (metano)circa 6 centesimi / kWh
Riscaldamento a gas (gas liquido)da circa 7 cent / kWh a 9 cent / kWh
Riscaldamento a gasolio (prezzo attuale del petrolio 2018)circa 6,5 ​​centesimi / kWh (2012: circa 10 centesimi / kWh)
Riscaldamento a pelletcirca 5 centesimi / kWh
Riscaldamento a cippato, riscaldamento a legnada circa 3,5 centesimi / kWh
Riscaldamento a pompa di calorea seconda del prezzo dell'elettricità e del fattore di rendimento annuale, da circa 4 centesimi / kWh a 8 centesimi / kWh

La tabella mostra già che i costi differiscono in modo significativo a seconda del mezzo di riscaldamento.

Anche se si tratta solo di centesimi, bisogna tenere presente che il fabbisogno termico di una casa ben coibentata è di circa 50 kWh / m² / anno - 70 kWh / m² / anno per edifici isolati secondo lo standard EnEV. Le case più vecchie e non ristrutturate, d'altra parte, possono avere un fabbisogno di calore da 150 kWh / m² / anno a oltre 300 kWh / m² / anno. Quindi le quantità di centesimi fanno già differenze molto grandi.