La manutenzione del rilevatore di fumo: quali sono i costi e chi li deve pagare?

costi-manutenzione-rilevatore-fumo

Nel frattempo, gli ultimi periodi di transizione sono scaduti nella maggior parte degli stati federali e quindi un rilevatore di fumo deve essere installato in tutte le camere da letto e su tutte le vie di accesso alla via di fuga in ogni appartamento in affitto. I proprietari sono responsabili di questo quasi ovunque - in alcuni paesi gli inquilini possono anche essere responsabili della manutenzione, in caso contrario, ne pagano almeno i costi. Puoi scoprire quanto sia costosa la manutenzione dei rilevatori di fumo in un'intervista con l'esperto di Quante.

Domanda: Quali sono i costi di manutenzione del rilevatore di fumo?

Esperto quantistico: questo dipende sempre dal singolo caso, il fattore decisivo è ovviamente quanti rilevatori di fumo sono installati nell'appartamento, che tipo di rilevatore di fumo è e che tipo di manutenzione deve essere eseguita su. Quindi può essere molto diverso da caso a caso.

Quando si parla di costi di manutenzione, bisogna innanzitutto distinguere tra:

  • la batteria costa se è necessaria la sostituzione della batteria
  • i costi per la manutenzione remota per i rivelatori con funzionalità Internet
  • il costo del noleggio del rilevatore (rispetto all'acquisto)

Il tipo più semplice di manutenzione è cambiare le batterie per i rilevatori semplici che funzionano ancora con le batterie. L'inquilino quindi sostiene semplicemente i costi della batteria.

I rilevatori di fumo aspettano i costi

I costi di manutenzione dei rilevatori di fumo ammontano a pochi euro all'anno per rilevatore di fumo

A seconda del modello di rivelatore, puoi aspettarti costi tra 1,50 EUR e 3 EUR all'anno e rilevatore di fumo. L'inquilino può eseguire personalmente il test funzionale premendo un pulsante corrispondente sul rilevatore. Quando le batterie sono scariche, la maggior parte dei rilevatori emetterà automaticamente un segnale acustico per indicare che è necessario sostituire le batterie.

Per i rilevatori più costosi che hanno l'opzione di manutenzione remota, i costi di manutenzione per rilevatore sono compresi tra circa 5 EUR e 15 EUR all'anno. In questo caso nessuno deve entrare nell'appartamento per controllare il rilevatore; il controllo può essere effettuato tramite interrogazione remota e controllo remoto del rilevatore.

Con rilevatori che non vengono acquistati ma noleggiati, il tutto è spesso un po 'più complicato. I costi di manutenzione spesso non sono mostrati separatamente qui, ma sono inclusi direttamente nel prezzo di affitto annuale del rilevatore. In questo caso, si deve sempre decidere caso per caso chi deve effettivamente assumersi quali costi.

Esempio di costo dalla pratica

Il nostro padrone di casa ha 4 rilevatori di fumo per il nostro appartamento. In futuro, saremo responsabili della sostituzione delle batterie (blocco 9V) da soli. Confrontiamo questa offerta con un'altra che ci fa il padrone di casa: l'acquisto di rilevatori più costosi, che però hanno una batteria incorporata di 10 anni, ma sostengono costi di manutenzione annuali di 5,60 euro per rilevatore.

Inviareprezzo
Costi della batteria all'anno12 EUR
Allocazione dell'acquisto (11% dei costi totali)3,74 EUR di aumento del canone di locazione all'anno
Test funzionale annuale0.00 (eseguita dallo stesso inquilino)
Costi annui totali15.74 EUR
Costi totali in 10 anni (estrapolati)157,40 EUR
Confronto dei costi con un sistema più costoso con una batteria di 10 anni e manutenzione remotaAllocazione dei costi di acquisizione (11%) 123,20 EUR, manutenzione annuale 5,60 EUR=179,20 EUR costi totali in 10 anni

I costi indicati sono stati sostenuti in un singolo caso specifico. Anche i costi per l'acquisto di altri rilevatori di fumo possono variare in modo significativo. Tuttavia, il nostro esempio di costo mostra chiaramente che i costi per rilevatori di fumo semplici ed economici con batterie intercambiabili possono essere piuttosto interessanti, anche nonostante la frequente necessità di cambiare le batterie.

Domanda: cosa determina i costi di manutenzione dei rilevatori di fumo?

Costi di sostituzione della batteria del rilevatore di fumo

Se la batteria deve essere cambiata, i costi sono più alti

Esperto quantistico: la chiave qui è:

  • sia che si tratti di un rilevatore con una batteria incorporata o con una batteria rimovibile (modelli significativamente più economici)
  • se la manutenzione viene eseguita dal conduttore, dal custode in loco o tramite manutenzione a distanza
  • quali leggi statali si applicano (obbligo di acquisizione, mantenimento e regolamentazione)
  • se i rilevatori di fumo vengono effettivamente acquistati o solo noleggiati da un fornitore

Domanda: quali costi deve sostenere un inquilino?

Esperto quantistico: non è così facile da chiarire. Quando si tratta di rilevatori di fumo, abbiamo un totale di tre diversi possibili tipi di costi:

  • il costo di acquisto
  • eventualmente anche i costi di noleggio (per lo più inclusi i costi di manutenzione e servizio)
  • i costi di manutenzione

Prima di tutto, è importante ciò che prevede la legge statale applicabile. In generale, nella maggior parte degli stati federali, il proprietario è responsabile dell'acquisto e l'inquilino della manutenzione. Sono consentiti accordi individuali nei paesi in cui non è stato raggiunto un accordo chiaro.

I costi di acquisizione sono i cosiddetti costi di ammodernamento, quindi il proprietario può trasferire tra l'8% e l'11% dei costi di acquisizione totali come un aumento dell'affitto agli inquilini. Alla fine, nella maggior parte dei casi ciò non si tradurrà in un aumento dell'affitto particolarmente elevato, ma almeno aumenterà il costo dell'affitto mensile.

D'altra parte, diventa molto più difficile se il proprietario non acquista l'attrezzatura ma la affitta da un fornitore appropriato. È giuridicamente controverso se questi costi possano essere trasferiti completamente agli inquilini senza ulteriori indugi. Finora i tribunali hanno deciso diversamente. Se nei costi di locazione sono compresi anche i costi di manutenzione - inclusi automaticamente nello stesso momento - l'allocazione agli inquilini diventa ancora più complicata. Prima di tutto, è necessario chiarire se questi costi sono del tutto imputabili. Se questo non è il caso, il proprietario dovrà pagare l'intero importo.

I puri costi di manutenzione, invece, possono essere trasferiti agli inquilini abbastanza facilmente e per intero. Anche la maggior parte dei piatti la vede in questo modo. O il proprietario è responsabile della manutenzione (leggi statali), quindi può trasferire i costi, o comunque l'inquilino è già responsabile di questo. Poi ovviamente deve pagare le spese.

Un prerequisito per la ripartibilità è, tuttavia, che nel contratto di locazione sia presente un accordo corrispondente.