Fotovoltaico - Costi e ammortamento

costi fotovoltaici

I sistemi fotovoltaici hanno un'ampia reputazione per essere troppo costosi e difficilmente pagabili da soli. In un'intervista, l'esperto di Quante spiega quanto costa effettivamente un impianto fotovoltaico e quando tali sistemi si ripagheranno da soli.

Domanda: come funzionano esattamente i sistemi fotovoltaici e di quali parti hai bisogno?

Esperto quantistico: il cuore di ogni sistema fotovoltaico (PVA) sono i collettori. Raccolgono l'energia termica del sole e la convertono in corrente continua.

Questa corrente continua viene quindi convertita tramite un cosiddetto inverter in normale corrente alternata, come la otteniamo dalla presa domestica.

Poiché l'elettricità non è ovviamente generata continuamente, i sistemi di accumulo dell'elettricità hanno senso. Raccolgono l'energia generata nelle ore di punta e la immagazzinano finché non è necessaria. Un sistema di accumulo è un accessorio opzionale per un PVA, ma ha sempre molto senso se si desidera utilizzare l'elettricità prima di ogni altra cosa.

Le prestazioni di un sistema sono determinate dal valore kWp (kilowatt peak) del sistema. Questo valore descrive la quantità massima di energia che il sistema può convertire. Ciò non significa che il PVA produca tanta o tanta elettricità in ogni caso, ma che può produrre al massimo quella stessa potenza.

Se il sole dovesse fornire ancora di più, il sistema potrebbe ancora generare solo questo valore di picco di elettricità da esso. Questo è spesso frainteso. Le prestazioni di un sistema non dicono nulla sulla quantità di elettricità effettivamente generata dal sistema in un luogo specifico. Questo può solo essere stimato (sebbene l'orientamento del tetto e l'inclinazione in relazione ai dati meteorologici medi possano essere generalmente utilizzati per fare una stima abbastanza buona della resa elettrica).

L'elettricità in eccesso può anche essere immessa nella rete pubblica anziché in un sistema di accumulo: per questo si riceve una remunerazione dallo Stato: la remunerazione dell'immissione in rete, di cui si parla da molti anni.

All'inizio del “boom del solare” si potevano guadagnare molti soldi e un rendimento stabile con un PVA, poiché la tariffa incentivante era inizialmente molto alta ed era garantita per 30 anni.

costi fotovoltaici

Il pagamento per l'immissione in rete di elettricità non sembra redditizio

Nel frattempo, la tariffa incentivante è stata drasticamente ridotta dallo Stato - improvvisamente gli impianti fotovoltaici non sembrano più così redditizi. Tuttavia, questa è una visione unilaterale: nessuno produce elettricità sul proprio tetto per guadagnare denaro immettendola nella rete pubblica. La feed-in tariff è solo un utile effetto collaterale e non un requisito obbligatorio per l'ammortamento dell'impianto fotovoltaico.

Certo, ha senso, data una superficie del tetto sufficientemente ampia, dimensionare i valori di picco del sistema più grandi e alimentare l'elettricità che non è richiesta nella rete pubblica: il reddito aggiuntivo deriva quindi automaticamente e l'immissione la tariffa non costa alcuno sforzo aggiuntivo.

Soprattutto dopo che i prezzi per i collezionisti sono diminuiti notevolmente negli ultimi 10 anni (sono fino al 70% in meno oggi rispetto a 10 anni fa) ne vale la pena.

Domanda: quanto costa in pratica un impianto fotovoltaico?

Esperto quantistico: ovviamente, non puoi dirlo a tutti i livelli: dipende sempre dalle prestazioni del sistema.

Di norma, puoi aspettarti prezzi da circa 10.000 EUR a 25.000 EUR per piccoli impianti su una casa unifamiliare.

In molti casi, puoi anche detrarre ingenti importi di finanziamento da questo prezzo. Se si rinuncia a un sistema di accumulo e si preferisce utilizzare la tariffa incentivante per la quantità di elettricità in eccesso per coprire i costi, l'intero sistema sarà più economico.

Un piccolo esempio di costi dalla pratica

Abbiamo un piccolo impianto da 7 kWp installato sulla nostra casa di famiglia. Il nostro consumo annuo di elettricità è molto basso, poiché solo tre persone vivono sempre in casa e ci sono pochi dispositivi, quindi dimensioniamo il sistema un po 'più piccolo. Vogliamo principalmente utilizzare la nostra elettricità noi stessi, motivo per cui acquistiamo anche accumulatori di elettricità.

Inviareprezzo
Collettori solari da 5 kWp4.900 EUR
Assemblaggio del sistema2.100 EUR
Inverter1.400 EUR
Accumulo di energia6.200 EUR
Connessione di rete (tariffe)650 EUR
costo totale15.050 EUR

Naturalmente, questo è solo un singolo esempio di un sistema molto specifico di un produttore specifico e di una situazione di assemblaggio specifica. Anche i costi per altri sistemi, soprattutto su tetti piani o con resa maggiore o minore, possono differire in modo significativo.

Nel nostro caso, il sistema di accumulo dell'energia elettrica in particolare ha un costo relativamente elevato.

costi fotovoltaici

Non è necessario un dispositivo di accumulo di energia per immettere l'energia solare nella rete

Un impianto di accumulo di energia non è assolutamente necessario: le eccedenze generate possono anche essere immesse direttamente nella rete elettrica pubblica e vengono quindi compensate con l'energia aggiuntiva acquistata dal fornitore di energia elettrica (se il PVA non fornisce abbastanza) tramite la tariffa feed-in.

Poiché vogliamo utilizzare l'elettricità che generiamo dal PVA principalmente per il nostro uso personale, al fine di essere il più indipendenti possibile dal fornitore di elettricità, abbiamo deciso di utilizzare lo stoccaggio di elettricità.

Domanda: da quali fattori dipendono i costi di un PVA?

Esperto quantistico: qui devono essere considerati diversi fattori:

  • le prestazioni del sistema
  • le condizioni di installazione sul tetto
  • se è necessario un accumulatore di energia
  • se la struttura sarà costruita come proprietà o affittata

Questo determina essenzialmente i costi dell'impianto fotovoltaico. La resa di potenza che vuoi ottenere è decisiva per la potenza di cui hai bisogno. A sua volta, la posizione dell'edificio gioca un ruolo qui.

Domanda: in che misura le prestazioni giocano un ruolo nel prezzo?

Esperto quantistico: sia i costi per i collettori e la loro installazione che il prezzo per l'inverter dipendono dalla potenza del sistema.

La tabella seguente riporta i costi approssimativi da calcolare per le singole voci di costo - a seconda del servizio:

Voce di costoPrezzo per kW
Collettori solaricirca 700 EUR per kW o poco meno (a seconda del fornitore)
Assemblaggio del collettorecirca 150 EUR per kW, a seconda della situazione di installazione, molto di più
Inverterda circa 200 EUR per kW a circa 350 EUR per kW

Anche i prezzi effettivi dei singoli fornitori di sistemi fotovoltaici possono differire leggermente: a volte vengono offerti pacchetti complessivi economici, il cui prezzo è quindi leggermente inferiore ai prezzi consigliati.

In particolare, la tipologia dei moduli può essere molto diversa - i prezzi indicati si riferiscono a prodotti standard in quanto utilizzati nella maggior parte dei casi.

I prezzi per altri tipi di moduli possono variare da fornitore a fornitore. Possibili alternative per i moduli solari sono:

  • Moduli in silicio amorfo
  • Moduli in silicio cristallino
  • cosiddetti moduli vetro-vetro
  • Moduli a film sottile
  • Moduli concentratori

Poiché le prestazioni e il grado di efficienza (e anche il fattore di degrado, la diminuzione annuale del grado di efficienza dovuta all'usura) dei singoli tipi di modulo possono essere molto diversi, in pratica il prezzo e la resa devono essere sempre pesati contro ciascuno altro molto precisamente.

Domanda: il montaggio può essere più costoso?

Esperto quantistico: sui tetti piani, di solito devi sopportare uno sforzo maggiore se devi installare moduli solari - devono poi essere montati su supporti speciali ad angolo retto.

Ciò può anche comportare costi più elevati: di regola, devi calcolare fino al doppio dei costi di assemblaggio.

Domanda: quali sono i costi di esercizio per un PVA?

costi fotovoltaici

I sistemi solari richiedono una manutenzione regolare

Quante-Expert: I sistemi solari dovrebbero essere controllati almeno una volta all'anno, anche le superfici dei collettori dovrebbero essere pulite per garantire prestazioni ottimali del sistema.

Questi costi di manutenzione di solito ammontano a da 100 EUR a 200 EUR all'anno.

È necessario installare un contatore elettrico per reimmetterlo nella rete pubblica: al fornitore di elettricità è dovuto un canone annuale per il noleggio del contatore. Di norma, il noleggio di questo contatore è compreso tra i 40 ei 60 euro all'anno.

Per non dover scavare a fondo in tasca in caso di danni (temporali, temporali, grandine), vale la pena stipulare un'assicurazione speciale per i moduli solari. I costi per un'assicurazione di questo tipo sono generalmente da 50 a 100 EUR all'anno.

Nel complesso, puoi assumere costi annuali compresi tra circa 200 EUR e 400 EUR.

Domanda: devi pagare le tasse per eseguire un PVA?

Esperto quantistico: sì. Un punto da non dimenticare: i profitti della feed-in tariff sono soggetti all'imposta sul reddito, in quanto proprietario di un PVA sei anche commercialmente attivo.

Tuttavia, devi anche pagare l'imposta sul reddito per l'elettricità che utilizzi tu stesso, che generi con il tuo impianto fotovoltaico.

È possibile utilizzare quanto segue come spese aziendali:

  • Anche ammortamento nella misura del 5% del costo annuo
  • tutte le altre spese operative del sistema
  • Costi per prestiti (se finanzi il sistema con un prestito)
  • Premi assicurativi
  • Costi di manutenzione e
  • Costi di riparazione

L'ufficio delle imposte rilascia un numero di partita IVA per un PVA, quindi l'istituzione di un PVA deve essere sempre notificato immediatamente all'ufficio delle imposte.

Quante tasse devi pagare alla fine dipende dalla tua situazione reddituale personale: è quindi meglio consultare un consulente fiscale per registrarsi presso l'ufficio delle imposte e stimare i costi fiscali.

In linea di principio, come imprenditore, sei soggetto anche all'imposta sulle vendite, ma di solito puoi optare per la regolamentazione delle piccole imprese quando ti registri per i profitti generati.

Nel caso di sistemi grandi e molto grandi, questo di solito non è più possibile, quindi devi pagare l'imposta sulle vendite e di solito pagare anche l'imposta sul commercio e richiedere una licenza commerciale.

Domanda: Quanta elettricità puoi produrre generalmente con un impianto fotovoltaico?

Esperto quantistico: ovviamente, nessuno può predirlo esattamente al kWh, ma almeno ci sono valori medi ragionevolmente utilizzabili.

Su una superficie del modulo di circa 8-10 m², di solito si dispone di circa 1 kWp di potenza.

In relazione al nostro esempio di costo dall'inizio, ciò significa: Il nostro sistema da 7 kWp richiede tra circa 60 m² e 70 m² e genera approssimativamente una quantità annua di elettricità compresa tra 5.500 kWh e 6.500 kWh (ubicazione nel nord della Germania).

Nella Germania meridionale ci si può aspettare un rendimento significativamente più alto, se la posizione è altrettanto favorevole.

Domanda: come si ripaga il sistema?

Esperto quantistico: questa domanda è complicata a cui rispondere: un calcolo specifico può essere effettuato solo in singoli casi.

La tariffa incentivante è attualmente di 12,2 centesimi per kWh per la maggior parte dei piccoli impianti fotovoltaici su case unifamiliari. Tuttavia, viene pagato solo se almeno il 20% dell'elettricità generata viene immessa nella rete pubblica.

Se ci atteniamo al nostro esempio dall'inizio, possiamo fare i conti:

  • Potenza del sistema 7 kWp, costi di acquisto 15.050 EUR
  • elettricità generata annualmente 5.500 kWh
  • Consumo di energia elettrica 3.400 kWh / anno
  • Immissione in rete quindi: 2.100 kWh
  • Costi di esercizio all'anno (manutenzione, riparazioni, pulizia, assicurazione, ecc.) Circa 350 EUR

Prima di tutto, abbiamo risparmiato sui costi dell'elettricità per 3.400 kWh. Se si calcola che a 0,28 EUR per kWh, il risultato è un profitto di 952 EUR all'anno.

Riceviamo 252 EUR all'anno dalla tariffa feed-in. Ciò si traduce in un profitto totale di 1.204 EUR. (Prima di tutto, vogliamo ignorare l'imposta sul reddito da pagare, poiché le tasse da pagare dipendono sempre dalla situazione del reddito personale).

Ora dobbiamo detrarre i costi di esercizio del sistema da questo profitto totale. Ciò lascia un utile netto di 854 euro (tasse non prese in considerazione).

Calcolato in questo modo, l'investimento nel nostro esempio si sarebbe ripagato da solo in circa 18 anni. Ciò significa che, dopo 18 anni, il sistema ci porterebbe un profitto di circa 850 EUR all'anno.

Domanda: esistono altre opzioni di ammortamento?

costi fotovoltaici

L'energia solare autogenerata può essere utilizzata anche da soli

Esperto quantistico: puoi - e molti lo fanno - anche aumentare il tuo consumo di elettricità, poiché l'elettricità è prodotta praticamente gratuitamente (ad eccezione dell'imposta sul reddito).

Una possibilità sarebbe, ad esempio, l'acquisto di un sistema di riscaldamento a pompa di calore e il suo funzionamento con l'elettricità che genera. In un caso favorevole (10.000 kWh di energia di riscaldamento e acqua calda all'anno, fattore di prestazione annuale della pompa di calore geotermica 3.8), la pompa di calore necessita di circa 2.000 kWh - 3.000 kWh di elettricità all'anno. Potresti farlo tu stesso.

Se in precedenza fosse disponibile il riscaldamento a gasolio, il passaggio alle pompe di calore consentirebbe di risparmiare costi aggiuntivi di circa 1.000 EUR all'anno (10 centesimi × 10.000 kWh). I costi per la pompa di calore, meno eventuali sussidi, ammontano a circa 12.000 euro.

In questo caso, oltre ai costi di elettricità dal PVA, non ci sarebbero anche i costi di riscaldamento. Sono previsti alti sussidi per l'acquisto di una pompa di calore - l'ammortamento dell'intero sistema (PVA e pompa di calore) dovrebbe quindi essere notevolmente più breve:

  • Costo totale di PVA e pompa di calore EUR 27.050
  • Risparmio annuale con 6.000 kWh di elettricità generata: 1.680 EUR all'anno
  • Risparmio sui costi di riscaldamento: 1.000 EUR all'anno
  • risparmio annuo totale: 2.680 EUR

Ciò si traduce quindi in un periodo di ammortamento per l'intero sistema di soli 10 anni circa. Successivamente, il riscaldamento e l'elettricità sono praticamente gratuiti (ad eccezione dell'imposta sul reddito per l'elettricità che usi tu stesso).

Questo è solo un modo per utilizzare l'elettricità generata in casa in modo ragionevole e conveniente. La feed-in tariff è in realtà di secondaria importanza per l'ammortamento - funziona senza di essa.