Riscaldatori ad accumulo notturno: quali sono i costi?

costi del riscaldatore di stoccaggio notturno

Alcuni anni fa sembrava che sarebbe stato annunciato il completo "spegnimento" dei riscaldatori ad accumulo notturno, fino a quando non è stato ripristinato. I riscaldatori notturni sono ancora lì. L'esperto quantistico spiega in dettaglio quali costi causano in un'intervista.

Domanda: Perché i riscaldatori notturni dovrebbero essere effettivamente vietati - e ovviamente non lo è ora?

Esperto quantistico: i riscaldatori ad accumulo notturno sono ancora una reliquia degli anni '60 e '70, quando gran parte dell'elettricità tedesca proveniva ancora da centrali elettriche a carbone. Soprattutto, le centrali elettriche a carbone hanno bisogno di una cosa: un utilizzo costante. Poiché quasi nessuno consumava elettricità di notte (soprattutto non in quel momento), mentre durante il giorno erano necessarie grandi quantità di elettricità, la soluzione era offrire "elettricità notturna" a tariffe molto convenienti.

Di conseguenza, sono stati sviluppati riscaldatori che generavano calore durante la notte con l'aiuto di elettricità a basso costo e lo immagazzinavano in pietre di stoccaggio. La quantità di calore immagazzinata è stata poi rilasciata lentamente durante il giorno. La quantità di calore è stata calcolata dalla temperatura esterna del giorno precedente per stimare l'attuale richiesta di calore. Il riscaldatore lo ha fatto automaticamente.

Sfortunatamente, l'efficienza di tali sistemi di riscaldamento è terribile: un riscaldatore ad accumulo notturno difficilmente ha un'efficienza complessiva del 40%. Inoltre, non sono più disponibili tariffe a basso carico così fortemente scontate o tariffe elettriche notturne, il che rende estremamente costoso il riscaldamento con accumulatori notturni. In alcuni luoghi della Germania non ci sono nemmeno più tariffe notturne da parte dei fornitori regionali.

costi del riscaldatore di stoccaggio notturno

I riscaldatori ad accumulo notturno dovrebbero essere gradualmente eliminati dal 2009 in poi

Poiché molti dei vecchi accumulatori notturni contenevano anche amianto, l'EnEV 2009 prevedeva la graduale abolizione di tutti i dispositivi di alimentazione notturna. Dovrebbero essere sostituiti da tipi di riscaldamento più moderni ed efficienti.

Nel 2013, tuttavia, il divieto è stato sorprendentemente ritirato, poiché gli accumulatori notturni ancora in uso vedevano il potenziale come dispositivo di accumulo per l'elettricità in eccesso dalla generazione di elettricità ecologica (energia eolica, ecc.), Che spesso genera più di quanto possa essere utilizzato direttamente.

Quindi ci sono ancora appartamenti con riscaldamento ad accumulo notturno. Gli svantaggi non sono solo nei costi, ma anche nel comfort: se una giornata relativamente calda è seguita da una relativamente fredda, si congela o si dovrà accendere il riscaldamento elettrico ausiliario (ancora più costoso) durante il giorno se l'elemento riscaldante ha un tale riscaldamento ausiliario. Non è possibile regolare direttamente il riscaldamento. I vecchi riscaldatori ad accumulo notturno spesso non emettono più il loro calore così come i nuovi dispositivi perché non funzionano più in modo efficiente, il che spesso riduce anche significativamente il comfort. Il problema principale del riscaldamento ad accumulo notturno è chiaramente il costo.

Domanda: quanto costano i riscaldatori ad accumulo notturno se li acquisti nuovi oggi?

Esperto quantistico: in realtà puoi ancora acquistare nuovi dispositivi oggi, ma non puoi più acquistarli ovunque.

Per i dispositivi nel solito design standard con una potenza di circa 2 kW, è necessario prevedere costi da circa 600 EUR. I dispositivi moderni con apparecchiature di qualità superiore, d'altra parte, sono generalmente disponibili solo da EUR 800 a EUR 1.000. Tali dispositivi hanno quindi normalmente una potenza di 4 kW o 6 kW.

I dispositivi più costosi ( da circa 1.200 euro) di solito hanno già un relè termico integrato e possono anche essere collegati a sistemi fotovoltaici o reti smart grid tramite controlli di carico variabile.

Un piccolo esempio di costi dalla pratica

Vogliamo sostituire 4 vecchissimi accumulatori notturni (di quasi 30 anni) con dei nuovi per ridurre almeno un po 'il nostro consumo di elettricità.

Inviareprezzo
4 accumulatori notturni, 2 kW, design sempliceEUR 2.308
Costi di installazione e smaltimento di vecchi dispositivi300 EUR
Costi totali con installazione2.608 EUR

Questo è solo un esempio di costo unico per modelli di accumulo notturno molto specifici e le tariffe orarie di una specifica azienda. In altri casi, i costi possono anche essere notevolmente diversi.

Abbiamo sostituito i nostri riscaldatori ad accumulo notturno con nuovi modelli, poiché i vecchi riscaldatori hanno già superato la loro durata tecnica. Se ne valga davvero la pena è ovviamente una questione completamente diversa.

Domanda: da quali fattori dipendono i costi dei riscaldatori ad accumulo notturno?

Quantum Expert: il costo dei forni stessi dipende dai seguenti fattori:

  • la potenza in kW
  • l'attrezzatura tecnica
  • i costi di connessione
  • i costi di smaltimento sostenuti per i vecchi dispositivi (i dispositivi contenenti amianto possono anche essere molto costosi da smaltire!)

Tuttavia, quando si tratta del consumo di accumulatori notturni, altri fattori giocano un ruolo:

  • l'età dei dispositivi (i vecchi riscaldatori ad accumulo notturno hanno un consumo energetico notevolmente più elevato)
  • la tecnologia di controllo incorporata
  • l'accuratezza della previsione della temperatura esterna (calcolo della quantità di calore)
  • l'accuratezza dell'adattamento alla quantità di calore richiesta individualmente e allo stato energetico dell'edificio

Questi costi possono essere valutati solo caso per caso. Anche la risposta alla domanda se valga la pena sostituire l'impianto di riscaldamento si basa su questa valutazione.

Domanda: come sono i costi di riscaldamento del riscaldamento ad accumulo notturno rispetto ad altre forme di riscaldamento?

costi del riscaldatore di stoccaggio notturno

Un riscaldatore ad accumulo notturno è notevolmente più costoso del riscaldamento a gas

Esperto quantistico: ovviamente qui puoi utilizzare solo valori medi. Per dirla semplicemente, ora si può presumere che il riscaldamento notturno ad accumulo sia circa il doppio del riscaldamento a gas. Questa è almeno una guida approssimativa. Tuttavia, ciò non deve necessariamente applicarsi a riscaldatori ad accumulo notturno molto vecchi o dispositivi dimensionati in modo errato. Qui i costi possono essere notevolmente più alti.

Se usi questo confronto come base, puoi stimare approssimativamente quando vale la pena passare a un altro sistema.

Domanda: qual è il problema con la conversione del riscaldamento ad accumulo notturno, ad esempio in riscaldamento a gas?

Esperto quantistico: prima di tutto, un grosso problema è che i riscaldatori ad accumulo notturno sono ancora spesso integrati negli appartamenti in affitto.

Il solo padrone di casa sarebbe responsabile della sostituzione dell'impianto di riscaldamento; deve decidere. Tuttavia, gli inquilini pagano le spese di riscaldamento, quindi il proprietario inizialmente non vede alcun motivo per cambiare, a meno che non vivano in casa loro stessi, cosa che raramente accade.

Il secondo problema è la mancanza di attrezzature tecniche per un nuovo sistema di riscaldamento. Non solo dovrebbe essere acquistata e installata una caldaia, ma anche l'intera installazione comprese tubazioni, radiatori e tecnologia di controllo e regolazione.

Questa è una spesa enorme. Di norma, un moderno sistema di riscaldamento può costare almeno da 15.000 EUR a 20.000 EUR. Inoltre ci sono i costi di installazione, che si aggirano sicuramente su questo importo, se non addirittura di più.

Anche con un piccolo condominio, questo significa almeno 50.000 EUR di costi per il proprietario, di cui all'inizio ha poco vantaggio, tranne che gli appartamenti potrebbero essere un po 'più costosi da affittare rispetto a una notte costosa riscaldamento ad accumulo.

Pensando il contrario, una conversione in molti casi si ripagherebbe solo da sola a lungo termine:

Con un fabbisogno di riscaldamento di 9.000 kWh per una casa indipendente ben isolata con 120 m² di superficie abitabile, il riscaldamento a gas costa circa 10.000 euro, l'impianto di riscaldamento per i radiatori a parete è più o meno lo stesso.

costi del riscaldatore di stoccaggio notturno

Il riscaldamento a gas è una scelta migliore

In questo caso il riscaldamento a gas costerebbe 540 euro al mese, mentre un bollitore ad accumulo notturno non troppo vecchio e ben regolato costerebbe il doppio di tale importo, ovvero circa 1.080 euro.

Per il riscaldamento a gas ci sono anche circa 200 euro di costi di manutenzione e costi per lo spazzacamino.

Ciò significa che la differenza di costo tra le due forme di riscaldamento è di circa 340 euro all'anno. L'investimento di quasi 20.000 euro sarebbe stato ripagato solo in circa 58 anni.

Anche supponendo un accumulatore notturno molto vecchio e inefficiente, che sostiene costi di riscaldamento di 1.800 euro, il costoso investimento sarebbe stato ripagato solo in circa 20 anni - che è più o meno la durata del riscaldamento a gas.

Questi due esempi di calcolo mostrano che la conversione a un sistema di riscaldamento "convenzionale" ad acqua è problematica in termini di costi.

La conversione è utile solo se il fabbisogno di riscaldamento è molto elevato, poiché la differenza di costi è corrispondentemente maggiore.

Se fai i conti, puoi vedere che solo se il fabbisogno di riscaldamento fosse tre volte più elevato, ovvero 27.000 kWh all'anno, sarebbe possibile un ammortamento entro 15 anni. Con le dimensioni della nostra casa, ciò corrisponderebbe a un fabbisogno di riscaldamento di 225 kWh / m² / anno e quindi un edificio completamente non isolato degli anni '60 con le finestre che erano usuali all'epoca - non appena viene utilizzato anche un po 'di isolamento, il calcolo del rimborso non funziona più.

Domanda: quali alternative ci sono allora?

Esperto quantistico: questo deve essere valutato caso per caso.

costi del riscaldatore di stoccaggio notturno

Un sistema solare è una buona alternativa a un bollitore ad accumulo notturno

Se è possibile ridurre in modo significativo il fabbisogno di riscaldamento attraverso misure di isolamento (ad esempio perché la facciata è comunque in fase di rinnovo e deve essere isolata), è matematicamente più utile attenersi al riscaldamento ad accumulo notturno. La richiesta di riscaldamento notevolmente ridotta non varrebbe la pena di sostituire il sistema di riscaldamento con un nuovo impianto.

Se necessario, i vecchi accumulatori notturni possono essere sostituiti con altri nuovi e le dimensioni possono anche essere ridotte o singoli accumulatori notturni messi fuori servizio. Ciò riduce anche il consumo di energia.

Un impianto fotovoltaico potrebbe essere un'alternativa interessante anche se è già installato il riscaldamento ad accumulo notturno. L'elettricità autoprodotta comporta costi notevolmente inferiori rispetto alla tariffa notturna più economica e l'importo dell'investimento può anche essere leggermente ridotto mediante sussidi e prestiti a basso interesse con sussidi.

In una buona posizione, sia il riscaldamento che il fabbisogno di elettricità della casa possono essere ridotti; i riscaldatori ad accumulo notturno significano anche che non è necessario alcun accumulo di elettricità aggiuntivo e costoso se si tratta di stufe moderne con capacità di rete intelligente.

Un'altra opzione sarebbe quella di utilizzare una variante di riscaldamento senza installazione, come il riscaldamento a infrarossi. Questo riscaldamento può quindi essere utilizzato secondo necessità e fornire calore aggiuntivo dove è necessario, mentre l'accumulatore notturno fornisce solo una piccola quantità di "calore di base".

Qui possono essere create costellazioni molto diverse, il che può essere utile in singoli casi. Ma questo deve essere sempre pianificato e calcolato individualmente.